Home » Domande e Risposte » Emorroidi e ragadi anali: cosa li differenzia e quali Rimedi

Emorroidi e ragadi anali: cosa li differenzia e quali Rimedi

Il linea generale, quando ci riferisce a quei problemi fastidiosi che riguardano il nostro corpo nell’area anale, molti soggetti non conoscono le effettive differenze tra emorroidi e ragadi, andando di conseguenza a ricorrere in maniera sistematica ai medesimi farmaci per curare entrambe le problematiche.

foto emorroidi e ragadi rimedi

Per poter attuare un corretto trattamento specifico e contrastare tanto i disturbi quanto l’insorgere di emorroidi o ragadi, invece, è fondamentale riuscire a distinguere le caratteristiche delle due sintomatologie, anche perché non è sempre necessario ricorrere a quella che è la terapia farmacologica.

Vediamo dunque di distinguere i due aspetti:

  • Le emorroidi, assumono l’aspetto similare ad una dilatazione di quello che è il tessuto vascolarizzato, ovvero dei vasi sanguigni, il quale è posto nella parte sottostante il rivestimento dell’ano. Le emorroidi, poi, vengono ad essere classificate, sulla base della loro collocazione rispetto al canale anale, come emorroide esterna ed interna. Entrambe possono causare dei disturbi che potranno essere di variabile gravità.
foto emorroidi interne e esterne
  • Le Ragadi: si presentano come delle piccole lacerazioni vere e proprie del tessuto cutaneo posto sempre in corrispondenza dell’ano. Le ragadi fanno la loro comparsa per una dilatazione eccessiva dell’ano a causa del passaggio di feci che sono particolarmente dure e grosse.
foto ragade all'ano

EMORROIDI E RAGADI SINTOMI

Entrambe le due sintomatologie, nonostante non siano gravissime, tuttavia possono causare una grande sofferenza generale e provocare nel soggetto anche una sorta di terrore nel andare in bagno. Ovviamente, il tutto compromette uno svolgimento sereno di quelle che sono le attività quotidiane, come pure il riposo notturno.

Infatti, il soggetto sofferente a causa della presenza di emorroidi o ragadi, può trovare grossa difficoltà nel addormentarsi in maniera serena per via del prurito e della tensione intestinale. Inoltre, potrebbe anche avvertire un dolore nella regione anale.

Anche il semplice rimanere in piedi a lungo o lo stare seduto, sono eventi che possono risultare faticosi andando a generare sofferenze di varia natura, in special modo in chi vi si trova costretto a causa di impegni lavorativi. Comunque, in generale quelle che possono essere le normali condizioni di vita sono pesantemente condizionate dal problema.

Oltre a ciò, le ragadi posso anche provocare stress ed affaticamento, il che nuoce allo stato sia psichico e sia fisico, oltre che compromettere l’umore e la capacità di provare piacere delle semplici cose riservate dalla vita di tutti i giorni.

MA QUALI SONO I TRADIZIONALI RIMEDI PER EMORROIDI E RAGADI?

In presenza di emorroidi definite di lieve entità, queste vengono ad essere trattate con rimedi emorroidi tradizionali attraverso dei farmaci che sono efficaci ad alleviare velocemente il fastidio, ma solamente in maniera temporanea. A tal proposito, è quanto mai opportuno sottolineare che supposte cortisoniche o creme per emorroidi sono, più che soluzioni definitive del problema, dei palliativi con i quali si possono alleviare una improvvisa insorgenza del dolore, oltre che poter essere utilizzabili solamente per un determinato periodo di tempo.

Un loro uso frequente, infatti, può anche far insorgere degli effetti che potranno essere di varia entità sulla base dello stato fisico e di salute del soggetto. Non per nulla, vi sono persone che possono essere o meno sensibili o tolleranti rispetto alla composizione del prodotto utilizzato.
Nonostante si sia provveduto a revisionare la dieta, andando ad incrementare quello che è l’apporto di liquidi e di fibre, anche per le ragadi si possono trovare in commercio delle pomate che, normalmente, sono alla nitroglicerina e che consentono di poter rimediare, sempre in forma temporanea.

Le pomate fungono da anestetizzante dello sfintere, il quale, grazie a ciò, per un determinato lasso di tempo non è soggetto a una continua e forte contrazione, consentendo, perciò, al fisico di poter autorigenerarsi.

Una alternativa all’ utilizzo delle pomate è fornita dal siero di botulino, lo stesso che trova un largo utilizzo per combattere le rughe nella chirurgia estetica. In pratica, tramite queste iniezioni, si avrà il medesimo risultato che sarà, in questo caso, quello di andare ad rilassare il muscolo anale. L’effetto derivate dal siero di botulino può durare anche diversi mesi.

Tuttavia, è bene ricordare che, oltre ad essere particolarmente costose, le iniezioni di botulino sono anche dolorose visto che implicano l’interessamento di una area che è già da se dolorante a causa della presenza delle ragadi. A livello informativo, è anche il caso di sottolineare come il botulino, ad oggi, sia il batterio più tossico conosciuto e, pertanto, la sua somministrazione potrà trovare una sua eventuale applicazione esclusivamente da parte di personale altamente preparato.

Comunque, a prescindere che si scelgano le iniezioni o si preferisca l’utilizzo delle pomate, entrambe le opzioni non sono assolutamente in grado di poter prevenire le ricadute, cosa che, per ciò che verte le ragadi, può avvenire con una certa frequenza. In particolare, sono da reputarsi esclusivamente come anestetici al dolore, dato che non rappresentano, nessuna delle due, una cura vera e propria.

Alla fin fine, tanto i disturbi legati alle emorroidi quanto quelli delle ragadi, trovano una definitiva soluzione, solamente agendo olisticamente alla radice del problema.
Vi sono, poi importanti sintomi che ne segnalano l’insorgenza e che, di conseguenza, non debbono essere sottovalutati.

Se si attua questo tipo di metodologia si potrà evitare di dover, poi, ricorre a medicinali o a tecniche invasive. Un primo corretto approccio fonda le sue basi proprio su una corretta dieta, tramite la quale si potranno effettuare le correzioni necessarie per evitare che le evacuazioni possano essere, o troppo frequenti o troppo rare.

Lo scopo principale, dunque, è sempre quello di evitare che possano insorgere le problematiche, piuttosto che dover successivamente andarle a combattere, una volta che hanno fatto la loro presenza, ovvero i dolorosi e fastidiosi sintomi.

Praticamente, è buona regola ricorrere a un trattamento adeguato locale che sia a base di estratti naturali, subito all’insorgere di emorroidi e ragadi, evitando, così, di dover utilizzare soluzioni che possono essere aggressive e provocare effetti collaterali.

Una dieta modulata e sana, rispettosa di quelle che sono le necessità effettive del corpo, contribuirà ad evitare che tali patologie possano insorgere, come pure andrà a favorire la loro scomparsa, facendo in modo che non possano raggiungere un avanzato stadio.

UN REGALO PER TE

prima di continuare con l'articolo ecco un regalo.

Devi sapere che l'alimentazione è uno dei fattori principali che causano le emorroidi e può ridurre sensibilmente i sintomi ed il rischio che si aggravino.

eBook Alimenazione anti-emorroidi gratuito

Clicca qui per Scaricare l'eBook ​Gratuito: "Alimentazione AntiEmorroidi"

Di conseguenza, è bene imparare a conoscere il proprio corpo oltre che saperlo ascoltare. Così facendo, si potrà godere di una perfetta modulazione di quella che è la propria vita sulla base di quelle che sono le sue necessità. Tutto ciò, in conclusione, permetterà di prevenire la formazioni di emorroidi e ragadi, in special modo nei soggetti potenzialmente maggiormente esposti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *